Categoria: News

Giornate di Openday!

Genitori e bambini!

Nelle giornate del 1318 dicembre e del 19 gennaio avrete la possibilità di visitare la nostra scuola, accompagnati dalle nostre super insegnanti!

Vedrete tutti i nostri ambienti e vi sarà presentata l’offerta formativa di quest’anno.

Per ulteriori informazioni chiamateci al 0492328404.

alba kids

Elogio della gentilezza

alba kids

Cari genitori,

Il web ci ricorda che, il 13 novembre in tutto il mondo si celebra la Giornata mondiale della gentilezza, nata da una conferenza del 1997 a
Tokyo. Ecco, il mondo celebra la gentilezza, come se fosse un evento straordinario… Ma chiediamoci dunque, cosa è la gentilezza, a cosa serve e soprattutto perché le è stata dedicata una giornata?

alba kids

Il dizionario della lingua italiana definisce la gentilezza come un insieme di atti, espressioni, gesti di amabilità, garbo e cortesia. Chi è gentile mette in atto dei comportamenti nei confronti degli altri che hanno alla base dei sentimenti importanti, come l’altruismo, l’onestà, la generosità e l’empatia. Purtroppo però si sente sempre di più parlare del bullismo, del cyber-bullismo e della violenza tra minori. Il sistema scolastico italiano sta lavorando attivamente alla prevenzione di tali fenomeni che si insinuano anche tra i banchi di scuola, senza dimenticare che le primordiali attitudini comportamentali, corrette o meno, hanno origine fin dalla prima infanzia. Tra le varie possibilità, noi adulti, abbiamo a disposizione il potere della gentilezza, educando ad atti di inclusione ed accoglienza sin dalla prima infanzia curando l’affettività dei bambini.

alba kids
Momenti di attività e di condivisione dei bambini e delle bambine di Alba kids che in armonia praticano la gentilezza

In che modo, noi genitori, insegnanti, educatori possiamo trasmettere ai nostri bambini e alle nostre bambine il valore inestimabile della gentilezza? Semplice, dando loro il buon esempio quotidiano, valorizzando l’ascolto, l’aiuto reciproco, l’empatia e gesti gentili.  Atteggiamenti e modi di essere che diventano davvero potenti armi educative.

Il team di Alba Kids è fermamente convinto del “potere” della gentilezza che in modo invisibile potenzia la didattica, così come avere cura delle parole e dei toni che usiamo. Tra le routine quotidiane troviamo sempre un buon momento per ricordarci e ricordare che le parole gentili rendono tutto più piacevole e armonioso. Il nostro progetto “pranzo educativo” ad esempio è un ottimo momento per mettere in pratica atteggiamenti di gentilezza ed altruismo: attendere e mangiare insieme come atto di convivialità in una “grande famiglia”, prendersi cura dell’altro, chiedere gentilmente un bicchiere d’acqua e soprattutto ringraziare. Ringraziare perché no, anche gli alberi che ci donano le mele!

alba kids

Noi tutti abbiamo una grande responsabilità, nei confronti di chi ci sta vicino e soprattutto nei confronti dei più piccoli che come piccole spugnette assorbono tutto. È più semplice di quanto possa sembrare, perché così come una risata o il singhiozzo e uno sbadiglio, la gentilezza è contagiosa. Siamo umani e la pazienza a volte rischia di venire meno, ma è possibile gestirla, perché no, tenendo ben in mente una preziosa frase del Dr Wayne W. Dyer, psicoterapeuta americano:

«Quando ti viene data la possibilità di scegliere se avere ragione o essere gentile, scegli di essere gentile».

Arriverà la consapevolezza che davvero non conta necessariamente “avere ragione” e sarà sempre più importante “essere gentili”.

Mi piace credere che la forza della gentilezza porti inevitabilmente a sviluppare resilienza, quella forza innata di alzarsi e riprendere il cammino verso la ricerca della gioia, così come scrive Eugenio Borgna:

«La gentilezza ci consente di allentare le continue difficoltà della vita, le nostre e quelle degli altri, di essere aperti agli stati d’animo e alla
sensibilità degli altri, di interpretare le richieste di aiuto che giungano non tanto dalle parole quanto dagli sguardi e dai volti degli altri: familiari, o sconosciuti. La gentilezza è un fare e un rifare leggera la vita, ferita continuamente dalla indifferenza e dalla noncuranza, dall’egoismo e dall’idolatria del successo, e salvata dalla gentilezza nella quale confluiscono, in fondo, timidezza e fragilità, tenerezza e generosità, mitezza e compassione, altruismo e sacrificio, carità e speranza.

La gentilezza è come un ponte che mette in relazione, in misteriosa e talora mistica relazione, queste diverse disposizioni dell’anima: queste diverse forme di vita: queste diverse emozioni. Ma la gentilezza è un ponte anche perché ci fa uscire dai confini del nostro io, della nostra soggettività, e ci fa partecipare della interiorità, della soggettività, degli altri; creando invisibili alleanze, invisibili comunità di destino, che allentano la morsa della solitudine, e della disperazione, aprendo i cuori ad una diversa speranza, e così ad una diversa forma di vita».

[Eugenio Borgna, La dignità ferita, Feltrinelli (2015)]

Cari lettori,
con l’augurio che la vita sia gentile con voi,
siate grati e gentili alla vita.

Maestra Francesca

La pratica educativa dell’accoglienza

alba kids

Accogliere è un metodo di lavoro complesso,

è un modo d’essere,

è un’idea chiave del processo educativo.

Gianfranco Staccioli

alba kids

 

Carissimi lettori e lettrici, genitori, nonni, zii e amici!

La scuola dell’infanzia Alba kids ha appena iniziato la sua avventura, e ha accolto la sua prima sezione. Ed è proprio sulla parola “accoglienza” che vogliamo soffermarci. Alba kids, in piena ottica comunitaria e solidale costitutiva della sua mission, ha da subito realizzato l’importanza e il valore dell’accoglienza, soprattutto in questo doppio inizio: per i bambini e le loro famiglie e per il team di Alba kids. Siamo davvero felici di avere delle mamme e dei papà che hanno creduto e credono nella nostra missione, affidandoci ciò che hanno di più prezioso: i loro figli.

L’accoglienza dunque rappresenta una vera e propria pratica, un modo di fare e di essere che coinvolge molti fattori di tipo emotivo, affettivo e sociale coinvolgendo tutti, ma proprio tutti! Genitori, bambini e bambine, insegnanti, sono chiamati a tessere la delicata rete della fiducia reciproca, senza la quale il patto di corresponsabilità educativa crollerebbe come un castello di sabbia.

Ancor prima dell’inserimento dei bambini, pertanto, il progetto pedagogico prevede una conoscenza e uno scambio di informazioni del bambino tra genitori e insegnanti, in modo da poter offrire le prime “chiavi d’accesso” all’inestimabile tesoro rappresentato dall’individualità e dall’unicità di ogni bambino e ogni bambina. Essi sono sicuramente la parte centrale del progetto educativo, protagonisti, Persone con bisogni personalizzati, e questa visione porta ad una maggiore consapevolezza da parte della Comunità educante, e perché no, della società stessa, di quanto sia importante il loro benessere e la loro serenità. Progettare l’accoglienza diventa quindi un atto educativo, intenzionale e programmatico, costante nel tempo e abbraccia tutte le dimensioni del bambino: individuale, familiare, socio-relazionale, cognitiva ed emotiva. Quella del bambino infatti, non è una permanenza sporadica all’interno della scuola, ma una crescente routine, un punto di riferimento, una comunità che esiste in virtù della presenza di ogni singolo bambino e bambina, nella loro dimensione unica e irripetibile.

I tempi della accoglienza sono definiti fin dalle prime riunioni di conoscenza tra genitori e insegnanti, e anche se formalizzati nelle prime settimane del mese di Settembre, si dilatano fino a quando tutti quanti, bambini e genitori, si sentono a proprio agio, in un clima di fiducia e serenità, sentendo la Scuola come parte integrante della loro quotidianità. La scuola dell’infanzia Alba kids intende promuovere questa pratica, con un progetto che si protrae nel tempo, continuativo e attento ai bisogni personalizzati che possono emergere.

Accogliere significa non solo mettere a proprio agio, ma basare l’agio stesso sull’affetto. L’accoglienza non è solo una mera azione, ma è una pratica educativa, è un’attitudine, uno stato d’animo.

Melania Scognamiglio

Coordinatrice

È iniziato l’anno scolastico!

alba kids

Venerdì 31 agosto è stata inaugurata la nostra scuola, e già da un mese ormai il salone e le aule risuonano delle risate e delle parole dei bambini e delle bambine di Alba kids!

È già apparso un compagno di viaggio, il bruco Giorgetto 🐛, che ci farà compagnia per tutto l’anno. Chissà quali altri amici incontreranno i bimbi 🙂

Si prospetta un anno emozionante, ricco di novità e sorprese!

Per restare aggiornati sulle nostre attività, seguici su FacebookInstagram  e non dimenticare di visitare il sito, dove raccoglieremo tutte le foto nella sezione Galleria e troverai importanti novità e comunicati nella sezione News.

alba kids
alba kids
alba kids
alba kids
alba kids
alba kids

Riapre la scuola dell’infanzia di via Bronzetti!

Alba kids

 

Alba kids
Alba kids

Nuova gestione per la storica scuola dell’infanzia “Natività”

Dopo un anno di pausa, la scuola dell’infanzia di via Bronzetti riprende vita e si prepara  ad accogliere, dal 1 settembre 2018, i bambini e le bambine tra i 3 e i 6 anni.

La scuola dell’infanzia, per tanti anni curata dalla Parrocchia “Natività della beata Vergine Maria”, verrà gestita dalla Cooperativa Alba Solidarietà Sociale e rinominata Alba kids. La scuola rifletterà la mission e i valori fondanti di Alba: solidarietà, spirito comunitario, valorizzazione della persona, forte legame con il territorio.

L’intento è quello di proporsi come un nuovo punto di riferimento per le famiglie della comunità locale, ponendosi l’obiettivo di rispondere ai bisogni di genitori e figli, continuando nel solco tracciato dalla Parrocchia della Natività.

La sfida di Alba Solidarietà Sociale è quella di proporre una scuola dell’infanzia con un piano formativo all’avanguardia, caratterizzato da intenzionalità e progettualità costante, promuovendo e consolidando lo sviluppo dell’autonomia, dell’autostima e delle competenze dei bambini, tramite metodologie ed esperienze multidisciplinari.

Il team educativo offrirà la propria professionalità tramite interventi e attività rivolte ai bambini e alle famiglie: attività ludiche, laboratori espressivi, uscite didattiche e attività speciali volte ad amplificare e arricchire l’offerta formativa. Il tutto in un’ottica di massima disponibilità e flessibilità offrendo tempi prolungati per incontrare le necessità e i bisogni sempre più diversificati manifestati dalle famiglie.

La struttura ospiterà anche altre importanti iniziative:

  • Gli spazi del primo piano sono appositamente progettati per accogliere i ragazzi fino ai 14 anni che necessitano di aiuto nello svolgimento dei compiti, che potranno usufruire inoltre di un’ampia sala per il pranzo, fornito dalla cucina della scuola, e di un’area relax;
  • Un centro estivo organizzato in collaborazione con la parrocchia.